12. JERA

Anno, raccolto, mutamenti ciclici

Rune: JeraLa runa Jera rappresenta l’aspetto ciclico, destinato a riproporsi perennemente, delle manifestazioni naturali fra cui possiamo annoverare l’avvicendarsi delle stagioni, delle maree, del giorno e della notte, ecc. Se per esempio viene auspicato un buon raccolto, sarebbe opportuno predisporsi in tal senso all’inizio dell’anno, seminando o piantando con cura e dedizione. Il duro lavoro nei campi svolto all’inizio dell’anno, se tutto procederà senza intoppi, sarà ricompensato in autunno.
Questa runa pone l’accento sulla necessità di portare a termine con la massima cautela i progetti perennemente ricorrenti e a lunga scadenza, dove nulla garantisce il coronamento di tutti gli sforzi tesi al successo. A dispetto di questo fattore improntato alla precarietà, la Jera esercita un influsso notevolmente positivo.
Jera è la runa dell’esito felice, del buon raccolto dopo un anno d’intenso lavoro. Ciò che si semina verrà raccolto. Questa runa simboleggia anche il ciclico moto perpetuo dell’umana esistenza.
Se esce Jera, può significare che all’orizzonte si profila un periodo d’intensa fatica oppure che è il momento di gioire per una gravidanza a lungo desiderata. E’ comunque d’obbligo un avvertimento: non forzate gli eventi, poiché c’è un tempo per ogni cosa.

Significato della runa al diritto:

Gioia, buoni risultati, prosperità, realizzazione di ansiose aspettative e di progetti accarezzati da lungo tempo.

Significato della runa al rovescio:

Delusione improvvise, cambiamenti continui, mutamento delle circostanze, insicurezza, negligenza.

Torna a indice rune